Un blog molto personale…

proviamo a capire qualcosa di più!

Archivi Categorie: Costume

Tutti Dottori (post ad altissimo contenuto di turpiloquio)


Questo post, secondo me geniale, la dice tutta e bene. Ecco cosa siamo! siamo una generazione di Bimbiminkia. Non più ricerche strutturate, sequenziali, accreditate da fonti su tomi dal peso incalcolabile. Non più cultura “pesante” ma solo ed escusivamente per sentito dire. Quanto mi fanno incazzare! E quando chiedi: “Scusa, mi posti le fonti?”… il gelo!!! Amici vi riconoscete in questo ritratto? Si? Allora fate qualcosa. Non vi ci riconoscete? Male! Invece siete proprio così! Anche io ci sono cascato a volte. Purtroppo essere bimbominkia è facilissimo!

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

Io vorrei tanto capire chi cazzo ha sdoganato l’ignoranza; vorrei tanto sapere chi ha tolto al caprone l’onere di informarsi prima di aprire la bocca e rifilato alla persona colta, molto colta, appena più colta – o anche semplicemente informata – quello di dimostrare con disegnini, parole, gentilezza e tante scuse, che le teorie ululate dal caprone suddetto sono puttanate.
Io vorrei capire perché l’unica vera parola innominabile in quest’Italia ostaggio del politically correct più estremo, del genitore uno e due, del diversamente caucasico, del diversamente cittadino regolare, dei quaranta punti esclamativi alla fine di ogni singola stronza frase, sia diventata il termine IGNORANTE.
Il termine ignorante è impronunciabile. Guai a dire ad un ignorante di merda che è un ignorante di merda. TU devi dimostrare di sapere qualcosa, anche se quel “qualcosa” è il tuo mestiere, il tuo bagaglio, quello che hai studiato per una vita intera. Tu, Copernico…

View original post 732 altre parole

Annunci

Luneur, bentornato a Roma! Apertura a maggio 2014


Luneur, bentornato a Roma! Apertura a maggio 2014.

Non ne posso più di tutte le citazioni e aforismi postati su facebook, e voi?


Dotta citazione di Jean-Claude Van Damme

Continua la mia personale campagna di disorientamento e opposizione alle sterili citazioni e/o aforismi di personaggi come Fabio Volo o l’upcoming Fausto Maraldi che la gente posta con disinvoltura su Facebook.

Qui sotto una galleria di citazioni “improbabili” da me immaginate e realizzate:

Se avete dei suggerimenti su accoppiate personaggio-citazione dotta improbabili vi prego di postarle qui sotto forma di commento.

Certo della vostra amabile collaborazione, vi aspetto numerosi.

Grazie!

Pedofilia, il giudice rimanda a casa l’orco e la giovane vittima ripiomba nell’incubo


Il giudice rispedisce a casa il pedofilo e la vittima ripiomba nell'incubo
Read the Article at HuffingtonPost

Ecco, io sono uno di quelli che dice: “Bisogna rispettare le sentenze”. Sono uno di quelli che dice che Berlusconi si deve rassegnare: è un evasore conclamato, un delinquente e deve pagare dopo 3 gradi di giudizio, rinvii, avvocati, etc.

Ma dell’applicazione della pena molte volte non parliamo mai. Ci fermiamo al terzo grado di giudizio e amen. Evidentemente la parola “fine” non è davvero in questo punto ma ben più avanti!

Vedi la decisione della Corte di Appello di Roma in questo caso specifico ed in altri meno “rumorosi”.

Ma la legge è veramente così garantista verso chi si macchia di questi odiosi crimini? Oppure ci troviamo davanti all’interpretazione personale delle norme ad opera dei giudici stessi?

Qualora fossimo in questo ultimo caso non esito a dire che prenderei volentieri queste persone a male parole, possibilmente davanti a molti spettatori.

Certezza della pena, dove sei finita?

Economia sommersa, 17,5 miliardi di euro nascosti al Fisco. Scoperti 4933 evasori totali e 64 milioni di prodotti contraffatti (FOTO)



Ho 41 anni. Considerato che riesco a interpretare correttamente gli articoli da circa 27 anni, sono già 27 volte che leggo questa notizia.

Puntualmente, ogni anno, mi chiedo: “ma cosa hanno fatto poi con questi fantomatici evasori?”. Ebbene, non ho mai trovato una risposta che fosse una!
A questo punto credo che gli evasori totali di cui parla l’articolo siano sempre gli stessi da 27 anni!
Read the Article at HuffingtonPost

Ciao ciao adolescenza! Chiude Energie a Via del Corso


Energie Roma Via del CorsoChe tristezza! il 31 maggio chiuderà un altro pezzo della nostra storia adolescenziale a Roma, chiude Energie a Via del Corso…

Non che fosse la mia meta abituale di struscio, eh! Nemmeno il mio “spacciatore” di abbigliamento abituale, anzi! Diciamo che non ho mai avuto tanti soldi o, meglio, i miei genitori non mi hanno mai abituato ad avere in tasca le cifre necessarie per vestirmi abitualmente da Energie.

Certo, ci sono stato spesso, hai voglia! Ogni qualvolta si faceva sega o si decideva di fare lo struscio in centro si andava da Energie. Si andava a vedere cosa “andava”, cosa bisognava comprare per essere più fico, per essere cagato dalle ragazze.

E ora? E ora solo tanto magone e la consapevolezza che la nostra era è finita, che i nostri vestiti e i nostri modi sono andati; solo la consapevolezza che il nostro tempo “giovane” è andato e che è arrivato il momento dei nostri figli.

Qui tutto l’articolo originale: Ciao ciao adolescenza.

I dischi più venduti di sempre


La voce del padroneI dischi più venduti di sempre | Il Post.

Proprio bellina la classifica che si trova al link sopra de Il Post di Luca Sofri.

Mi fa specie trovare ben 3 album di Michael Jackson in questa classifica. Eh, si! Ben tre album! Pensate quanti soldi si è mangiato in processi, avvocati e risarcimenti. Poveraccio…

Fanno anche impressione i 44 milioni di pezzi della colonna sonora di Grease ed il terzo posto di “The dark side of the moon”. Insomma: ce n’è da leggere per soddisfare la vostra curiosità, specie in questo periodo dove di dischi non se ne vendono praticamente più e dove la musica non è più una “cosa seria” ma un’accozzaglia di suoni prodotti sistematicamente da PC ed applicazioni.

Chiudo con un secco “Viva i Beatles ed i Rolling Stones” e vi invito a votare e a fare votare il sondaggione allegato (sono ammesse risposte multiple)!

Mario Monti al Financial Times: “No, Non mi piacerebbe restare premier”. Sì alla patrimoniale ma con metodo


Mario Monti in ParlamentoVisto il tempo rimasto a sua disposizione, mi pare veramente difficile che il Governo Monti riesca anche solo a pensarla una patrimoniale; poi alle condizioni descritte nell’articolo mi sembra proprio impossibile.
Comunque sarebbe un segnale davvero forte di discontinuità  con le vecchie politiche fiscali.
Secondo me il vero problema dei nostri “regnanti” è che, purtroppo, anziché puntare sulla lotta senza quartiere all’evasione fiscale cercano di puntare su altre leve fiscali ben più pesanti.
Speriamo che gli Italiani, anche al solo pensare alla possibilità  di una patrimoniale, si mettano tanta paura da cominciare a pagare regolarmente le tasse!
Read the Article at HuffingtonPost

Magistrati e genitori fanno a gara a chi è più imbecille?


Vignetta scuolaRiporto una parte dell’articolo che leggo oggi sul Corriere:

Ad avviso della Suprema Corte – sentenza 34492 – l’insegnante Giuseppa V., docente di una scuola media statale di Palermo, è senz’altro colpevole «di aver abusato dei mezzi di correzione e di disciplina» ai danni dello studente G.C., per averlo «mortificato nella dignità» venendo così meno al «processo educativo in cui è coinvolto un bambino», ossia – aggiunge la Cassazione rifacendosi alla convenzione Onu sui diritti dell’infanzia – «una persona sino all’età di 18 anni». «Non può ritenersi lecito l’uso della violenza, fisica o psichica, distortamente finalizzata a scopi ritenuti educativi», afferma la Cassazione, «e ciò sia per il primato attribuito alla dignità della persona del minore, ormai soggetto titolare di diritti e non più, come in passato, semplice oggetto di protezione (se non addirittura di disposizione) da parte degli adulti». E sia perché – prosegue la sentenza – «non può perseguirsi, quale meta educativa, un risultato di armonico sviluppo di personalità, sensibile ai valori di pace, tolleranza, convivenza e solidarietà, utilizzando mezzi violenti e costrittivi che tali fini contraddicono».

via Fa scrivere 100 volte «sono un deficiente» Cassazione condanna professoressa – Corriere.it.
Mi vien da dire: “Vavaff…”!!!!

Sarò retrogrado, sarò antidiluviano, sarò un potenziale tiranno, sarò un pessimo educatore dei miei figli ma… da quando la Magistratura può decidere cosa è giusto insegnare, o meno, ad un bambino?

Badate: io non sono contro i magistrati ma, in questi casi, trovo che non si possa far ricorso alla Giustizia per protestare contro i metodi educativi di un insegnante. E, soprattutto, che un magistrato possa decidere cosa e come insegnare; infatti si presume abbia studiato giurisprudenza ed i codici, non pedagogia!

Mi sembra che si stia passando il segno! Un magistrato non dovrebbe occuparsi di questo e soprattutto comminare una pena così severa, considerando l’inezia per la quale l’insegnante è stata ritenuta colpevole (poi colpevole di cosa???).

Non capisco che violenza psicologica ci sia nel far scrivere una frase 100 volte ad un bambino bullo (il bambino era stato punito in seguito ad episodi di bullismo nei confronti di altri bambini). Come dovrebbe sentirsi il bambino vessato dal predetto coglioncino in erba allora?

Parliamoci chiaro: pensi che tuo figlio abbia problemi a scuola? Ma vai dal preside, cazzo. Non dai Carabinieri!

Poi avessero strappato le unghie a ‘sto bamboccio bullo… Ceffoni, altroché frasi sul quaderno!

Ai miei tempi, se i miei genitori avessero saputo che la maestra mi aveva punito, mi avrebbero dato il resto a casa! Ora invece cosa si fa? Si sporge denuncia! Ma io dico: non avete un cazzo da fare piuttosto che muovere la macchina della giustizia, per altro molto costosa, perché vostro figlio è un coglione (come voi probabilmente)?

Genitori di oggi: siete veramente senza speranza! Avete bisogno di un magistrato per colmare il vostro vuoto educativo. Non sapete o non volete prendervi cura dei vostri figli, è questa la triste verità!

Appello ai consumatori-talebani Apple


Pronto, cavalier Apple? | Makkox

da “il Post” del 27/08/2012 | Makkox

A me, voi Talebani consumatori Apple, fate un po’ tenerezza.

Si, mi fate un po’ ridacchiare voi che credete che Apple sia una squadra di calcio o, forse, una ONG, una ONLUS; voi che vi sentite di dover difendere a tutti i costi le scelte di un management che guadagna miliardi di dollari con un titolo evidentemente sovraquotato (ma la bolla non è servita a nessuno?) e che vi vende prodotti con un margine enorme.

Bizzarro, no?

In questi giorni, in particolare, tifate e gioite per la vittoria in primo grado della vostra società-divinità in una causa intentata per violazione di brevetti che regalerà alle sue casse più di un miliardo di dollari. Tutto questo perché una giuria ha riconosciuto che la forma rettangolare con gli angoli smussati ed il gesto di allargare i pollici per ottenere l’allargamento di un’immagine (esempi) sono “cose” oggetto di brevetti registrati e, quindi, non replicabili, se non previa il pagamento di una royalty.

Ringrazio di essere nato nella più “civile” Europa (e dovreste farlo anche voi in questo caso) dove è impensabile ottenere questo genere di brevetti! Pensate se Ford avesse brevettato il sistema di trazione su 4 ruote rotonde di gomma, dove sareste ora? Fatevi un esamino di coscienza e pensate che, da una causa come questa, voi non guadagnerete assolutamente nulla. Anzi: perderete la possibilità di accesso alla tecnologia a prezzi decenti e vi scorderete la concorrenza.

Pensate con la testolina per una volta; lasciate perdere Roma, Lazio, Juve, Samsung, Microsoft, Apple. Rimarrete sorpresi, davvero!

Ad Maiora.