Un blog molto personale…

proviamo a capire qualcosa di più!

Archivi delle etichette: fini

Personalissima analisi della campagna elettorale


schieramenti politiche 2013

Che campagna elettorale di merda stiamo “subendo” in questo periodo?

Tutti i programmi letti in questi 2 mesi parlano di: fare questo, fare quell’altro, pagare di meno, spendere di più per questo e quello.

Ma gli italiani lo sanno a quanto ammonta il nostro debito? Lo sanno che forse si renderà necessaria un’altra manovra per pagarne gli interessi? Lo sanno che a luglio aumenterà l’IVA di un altro punto percentuale, come già programmato? Evidentemente no.

E invece stiamo qui a parlare di riduzione dell’IRAP, di abolizione dell’IMU sulla prima casa.

Ma dove li dovrebbe prendere i soldi lo Stato? Dalla riduzione dei parlamentari? ma per favore!

Quanto ci piace farci prendere per il culo! Guardate bene tra le pieghe di quello che leggete, fatelo per voi.

Quando qualcuno vi dice che farà qualcosa a titolo oneroso chiedetegli anche dove troverà le risorse per farlo!

Lo sapete che il programma del PDL, per esempio, costa qualcosa come 60 miliardi di Euro? Quello del PD circa 12 miliardi e quello di Monti circa 30 miliardi? No? MALE!

 Quello di Grillo nemmeno lo prendo in considerazione perché a livello di politica economica sembra solo una lista di belle intenzioni e non dice un cazzo di pratico.

Se volete continuare a vivere in un paese con una speranza futura, preoccupatevi di votare chi vi dirà che non ridurrà subito le tasse, scemi di guerra!

Votate chi vi dirà che, piuttosto, nel medio termine farà le grandi riforme a costo zero che frenano l’economia reale ed il lavoro:

  • riforma della giustizia;
  • riforma dell’apparato burocratico;
  • separazione delle banche di affari dalle banche commerciali;
  • riduzione del debito.

Qualcuno ne parla? Mi sa di no…

Ebbene queste sono le riforme che frenano gli investimenti, che frenano la ripartenza dell’economia, l’export (nostra unica salvezza visto che la domanda interna è e sarà a livelli da seconda guerra mondiale ancora per molto) e la creazione di posti di lavoro.

Svegliatevi vecchi sonnecchiatori che guardate questi politici in TV e nelle piazze!  

SPEGNETE LA TV E NON IL CERVELLO!

Annunci

Ma vi pare normale che molti italiani vogliano ancora votare centrodestra?


intezioni di voto sole 24 ore

Da il sole 24 ore 09/11/2011

Beh, a me no!

A me non pare normale che più del 36% degli italiani voterebbe ancora per questo centro destra a scatola chiusa.

Ancora non capisco se questi elettori rivoterebbero per Berlusconi, per un’alleanza ancora basata sull’asse PdL-Lega, per una nuova compagine, o altro.

Quello che non capisco è perché si voglia pedissequamente continuare a voler preferire uno schieramento che palesemente non è di destra, tanto meno di centro: solo pro “cazzi” del suo premier!

Piuttosto: siamo veramente sicuri che Berlusconi non si ricandidi? La cosa mi spaventa, e non poco visto che ha immobilizzato il Parlamento per anni; ha solo pensato a legiferare per salvare la sua “roba”.

Un’altra incognita, per quanto mi riguarda, è la seguente: il centrosinistra come si presenterà? Tutto unito? E tutte le eterogeneità che lo caratterizzano? Non rischiano di esplodere alla prima occasione? Siamo sicuri che Vendola e Di Pietro saranno sempre allineati con gli stati generali del PD?

L’unica cosa di cui sono certo è che il famigerato “Terzo polo” altro non è che la nuova DC (OMG)!

E voi cosa ne pensate? Come vi esprimerete? a voi questo piccolo sondaggio, sempre sul tema.

Mi raccomando, votate gente!

Che la fine del signor Berlusconi sia veramente arrivata? Io ci credo poco.


Come Gramellini scrive sul suo editoriale nelle pagine de “La Stampa”, BerlusconiBerlusconi dimissioni impossibili si crede una sorta di Eroe Post-moderno al contrario: non indietreggia mai ma, anzi, avanza sempre e comunque come un fiume in piena. E, come un fiume impazzito, scorre sempre e travolge qualsiasi cosa e chiunque cerchi di interrompere il suo scorrere.

Comunque, nonostante tutto, cerchiamo di dare per assodato il passaggio ai ranghi “semplici” dell’attuale PdC.

Ebbene, il mio pensiero non può che rivolgersi verso le alternative possibili. Quali sono queste alternative?

Il voto? Che Dio ci scampi! Nessuno, e dico nessuno, si prenderebbe mai la responsabilità di procedere con le riforme che ci sono state commissionate dall’Europa, dalla BCE, e dai mercati. I nostri parlamentari sono troppo attaccati alle poltrone e quindi non si butteranno mai in iniziative che potrebbero anche minimamente minare il loro consenso elettorale. Eh si, poverini.

Un governo di transizione? Ok. Ma come sarà composto? Un vero “busillis”: continuità con l’attuale parlamento? Altro governo totalmente di centro destra? Un governo allargato? Larghe intese? Emergenza nazionale?

Qualsiasi cosa ma spero si riesca almeno a governare pensando alle riforme; ma anche pensando al ripristino di un clima di coesione sociale almeno accettabile.

Ecco: le riforme, il ripristino di un clima accettabile, il ritorno a quanto di buono era presente nello “status quo ante” governo B.

A questo proposito: l’opposizione in questi mesi, anni, decenni non ha mai parlato di un programma; ha solo recitato un mantra. Un mantra potente quanto sterile ed inutile visto il fatto che B governa da 17 anni.

Signori dell’opposizione, avete un diavolo di programma? Siete in grado di dirci come intendete traghettarci verso la sponda sana della CEE? Pensate di riuscire a trasformarci in un paese civile? Se si, come?

A parte le potenziali alleanze, che in passato si sono rivelate totalmente fallaci, la sinistra parlamentare cosa ci sta dicendo? Un allarmante NULLA!

Ebbene questo mi spaventa anche più del signor B! Ancora non si capisce chi sia il candidato premier; non si capisce con quale legge elettorale questi signori si vogliano presentare; nessuno ha ancora parlato della praticabilità delle misure di austerity gentilmente preparate per noi dalla BCE; non si vede una faccia nuova ed intelligente neanche a pagare.

Ma io chi dovrei votare? Bersani o Bindi a scatola chiusa? il “Ducetto” Grillo con i suoi devoti seguaci (praticamente un altro B)? Ma per favore!

Io voglio un’alternativa seria, visto che, a conti fatti, credo sia improbabile un mio impegno nella politica nazionale ed una mia candidatura almeno per i prossimi 10 anni… 🙂

Ho come l’impressione che la “nuova DC” (Fini, Casini, Rutelli) avrà molto peso nelle prossime consultazioni elettorali.

Nonostante tutto, speriamo che la coscienza civica degli italiani possa finalmente risorgere o, quantomeno, accrescersi anche di poco nella solitudine dell’urna elettorale.

Ad Maiora!