Un blog molto personale…

proviamo a capire qualcosa di più!

Archivi delle etichette: moneta unica

Il guaio della Grecia non è la Grecia


Euro grecoPaul Krugman spiega la profonda crisi economica del paese e perché potrà essere solo risolta da un cambio di politiche dell’Unione Europea

Paul Krugman è stato insignito con il premio Nobel per l’economia nel 2008 ed è uno dei più noti e autorevoli osservatori delle dinamiche economiche su scala globale. Tra le altre cose, è anche columnist del New York Times e da mesi scrive articoli estremamente critici nei confronti dell’Unione Europea, e delle soluzioni che ha fino a ora adottato per superare la propria crisi economica. Nel suo ultimo articolo, Krugman si occupa della Grecia rispolverando una cosa che va dicendo da tempo: le cause della profonda crisi del paese non sono solamente interne, ma in buona parte esterne e dovute alle scelte adottate a Bruxelles, Francoforte e Berlino. Le autorità europee e alcuni leader hanno creato un sistema monetario con molte falle e ora gli stessi pensano di essere la soluzione alla crisi.

(La fine dell’euro in 4 mosse)

Naturalmente i problemi in Grecia ci sono eccome, a partire dagli alti livelli di corruzione e di evasione fiscale. Il paese ha vissuto ben al di sopra delle proprie possibilità, accumulando debiti. Ci sono però anche molti luoghi comuni sulla Grecia, scrive Krugman. Non è per esempio vero che i greci sono pigri: lavorano per più ore al giorno rispetto alla media europea, e soprattutto di più dei tedeschi. La spesa pubblica per lo stato sociale non è così alta come viene dipinta ed è lontana da quanto si spende in proporzione in Germania e in Svezia.

E quindi come ha fatto la Grecia a mettersi così nei guai? Colpa dell’euro, dice l’economista, che da sempre è scettico sulla moneta unica europea. Quindici anni fa la Grecia non era certo un paradiso, ma non era nemmeno in una profonda crisi economica. Il livello di disoccupazione era alto, ma non a livelli catastrofici, e il paese se la cavava con il pagamento dei propri debiti sui mercati internazionali, ottenendo risorse a sufficienza soprattutto dalle esportazioni e dal turismo. Poi la Grecia si unì all’euro, e le cose cambiarono.

Le persone iniziarono a pensare che si trattasse di un posto sicuro in cui fare investimenti. Il denaro estero arrivò in grandi quantità in Grecia, usato in parte per finanziare i debiti del governo; l’economia esplose; l’inflazione crebbe; e la Grecia divenne sempre meno competitiva. I greci spesero buona parte del denaro che arrivò nel paese, cosa che iniziarono a fare anche tutti gli altri rimasti inclusi nella bolla dell’euro. Poi la bolla scoppiò e tutto d’un tratto divennero visibili le falle del sistema euro.

Krugman invita a confrontare il sistema dell’Unione Europea con quello degli Stati Uniti e a chiedersi come mai il secondo non abbia i problemi che sta affrontando ora l’Europa. La risposta è che negli USA c’è un governo centrale molto più forte, che se necessario concede denaro e attua altre soluzioni incisive per ripianare i problemi degli Stati in difficoltà. In Florida il crollo del mercato immobiliare è stato compensato dagli aiuti di Washington, evitando che lo Stato dovesse fare da solo i conti, riducendo le spese per lo stato sociale e adottando misure di austerità. Negli anni Ottanta successe qualcosa di analogo con il Texas con la crisi dei depositi e dei prestiti: «I contribuenti finirono col pagare una somma enorme di denaro per rimettere a posto le cose, ma buona parte di quei contribuenti non abitava in Texas. Di nuovo, lo stato ricevette una serie di aiuti su una scala inimmaginabile per la moderna Europa».

(Le conseguenze perverse dell’austerità)

La Grecia per Krugman è quindi nei guai in buona parte a causa “dell’arroganza delle autorità europee”, soprattutto dei paesi più ricchi, che si sono autoconvinti di poter far funzionare una moneta unica senza un governo unitario. E le stesse autorità si sono anche autoconvinte che il problema sia stato causato dall’irresponsabilità dei cosiddetti paesi della periferia del sistema euro, come Grecia, Portogallo, Spagna, Irlanda e Italia, e che quindi spetti a questi adottare rigide misure di austerità per superare la crisi senza pesare troppo sul resto dell’Unione.

Krugman conclude ricordando che non possono essere solo i greci a risolvere la loro crisi, perché molte delle cause sono esterne e in un certo senso indipendenti dalla Grecia. In tutto questo l’euro continua a essere in pericolo è c’è solo un modo per poterlo (forse) salvare: Germania e Banca Centrale Europea devono capire che è arrivato il momento di cambiare strategia, di spendere più risorse e di accettare l’aumento dell’inflazione. Senza queste soluzioni “la Grecia affonderà a causa dell’altrui supponenza”.

via Il guaio della Grecia non è la Grecia | Il Post.

…e mi permetto di aggiungere che anche l’Italia farà la stessa fine. Certo le tesi di Krugman sono un po’ ardite (dire che il casino greco non è colpa degli stessi greci mi sembra un po’ pretenzioso). L’Europa sta cercando di “imporre” all’Italia l’istituzionalizzazione del debito. Come a dire: “ora c’è l’Euro. Non potete immettere vostra moneta nel circuito, ma solo la nostra. Quindi dovete indebitarvi.”.

Non si capisce perché ci vogliano convincere che abbiamo bisogno di “aiuti”. In definitiva siamo un paese ricco di patrimoni e risparmi (vedi articolo del Financial Times QUI)

Perché non far sottoscrivere i bond direttamente agli italiani? Sarebbe più logico fidarci di noi stessi e girare gli interessi direttamente nel circuito interno!

E invece no! Dobbiamo contrarre debito con l’Europa e con la finanza estera. Sarebbe come a dire che per legge ci dobbiamo mettere per forza nelle mani di un cravattaro che, per opera futura degli Eurobond, deciderà volta per volta le regole del gioco e l’interesse da pagare!

In poche parole, come per gli strozzati, ci potremmo trovare senza una lira ma pieni di debiti!!!

Annunci

Banchieri centrali uniti sulla rottura dell’Euro


Financial Times Logo“At least one country will leave the eurozone in the next five years, according to a survey of central bank reserve managers who collectively control more than $8,000bn.

The results of the poll, conducted by UBS, highlight the concern among some of the world’s top central bank officials ahead of the Greek election this weekend that is widely seen as a pivotal moment for the future of the single currency.”[CUT]

via Central bankers brace for euro break-up – FT.com By Jack Farchy

Almeno un paese lascerà la zona Euro entro i prossimi 5 anni, secondo un sondaggio dei gestori di riserve delle banche centrali che controllano complessivamente più di 8.000 miliaridi di dollari.
I risultati di questo sondaggio condotto da UBS evidenziano la forte preoccupazione di alcuni alti funzionari provenienti dal mondo delle banche centrali e sono stati pesati in base al risparmi gestito da ogni singolo istituto.
I banchieri centrali ed i gestori di fondi hanno detto che la rottura dell’area Euro è attualmente il rischio più elevato per tutta l’economia globale, e lo sarà per i prossimi 12 mesi.
Le loro idee sono in contrasto netto con i tentativi di alcune banche centrali di rafforzare la fiducia nella moneta unica. Ma questi gestori, le loro riserve e le loro decisioni su come allocare le loro risorse hanno un’influenza molto significativa sui mercati dei cambi.
La prospettiva di una rottura dell’area Euro ha innervosito gli investitori di tutti i tipi negli ultimi mesi, provocando una forte spinta alla vendita di azioni europee, un salto dei rendimenti obbligazionari dei governi periferici della zona Euro e uno scivolone della moneta unica.
All’incertezza sul futuro della Grecia -che si paleserà sempre di più con le cruciali elezioni di questo fine settimana- si è andata a sommare la crisi bancaria spagnola e tutto questo sta minando la fiducia degli investitori che stanno spingendo per una diversificazione dei portafogli lontano dalla zona Euro.
La banca nazionale svizzera ha rivelato il mese scorso di aver raddoppiato la sua dotazione in sterline nel primo trimestre, avendo ridotto consequenzialmente l’esposizione in Euro. Gli analisti e gli operatori ci dicono che, ovviamente, i gestori di riserve hanno fatto lo stesso.
La cautela dei gestori di riserve sul futuro dell’Euro è stato confermato nelle loro previsioni: si prevede che entro la fine dell’anno l’Euro sarà negoziato tra 1,15 e 1,25 dollari, rispetto all’attuale livello di 1,26 dollari.
Addirittura una piccola minoranza sostiene che l’Euro non esisterà più entro la fine dell’anno.
In contrasto con tutto questo, le banche centrali ed i fondi sovrani (SWF) sono più propensi per una tendenza al rialzo delle quotazioni dell’oro: si prevede che il metallo prezioso, insieme al debito dei mercati emergenti, sarà l’asset maggiormente performante da qui alla fine dell’anno.
Il prezzo dell’oro è rimasto fermo quest’anno fino ad ora poiché gli investitori diffidano della sua capacità di agire come bene rifugio in tempi di crisi; comunque giovedì è stato scambiato a 1.620,70$/oncia, in crescita del 3,5% rispetto all’inizio del 2012.

Insomma, ce n’è di che preoccuparsi: le istituzioni bancarie sovrane europee si preoccupano di salvare l’Euro, i loro funzionari e gestori, al contrario, NO!

Il nostro debito cresce continuamente, la spesa non si riduce. Tutto ciò che incameriamo come riduzione della spesa o da maggiori entrate fiscali (siamo in recessione, non si parla di aumenti delle entrate derivanti da un aumento del PIL  ma solo di un aumento derivante dal maggior carico) lo utilizziamo per foraggiare la finanza e la burocrazia.

La prospettiva è che domani nessuno comprerà il nostro debito, andremo in default tecnico, nessuno ci darà nulla, diverremo poveri ed i nostri banchieri avranno incamerato, insieme ai gestori di fondi, un’immensa ricchezza.

Secondo me, dovremmo fare tutti un bel passo indietro: far uscire le nostre banche commerciali dalla finanza e farle ritornare ad essere uno strumento di finanziamento delle imprese e delle famiglie. Far uscire dal circuito le banche non virtuose: facciamole fallire e, con loro, i loro banchieri.Togliere ogni tipo di supporto economico alle banche d’affari.

Però, se vogliamo salvare l’Euro e l’Unione, dobbiamo farlo tutti, non solo l’Italia.