Un blog molto personale…

proviamo a capire qualcosa di più!

Archivi delle etichette: monti

Ma i sindacalisti proprio non ce la fanno a star zitti?


Gianni BarattaEccoci, ci risiamo. I sindacalisti proprio non ce la fanno a starsene zitti!

Eppure ogni volta ci riprovo, ci ripenso e dico “I sindacati sono una cosa buona, ci tutelano, ci aiutano a fare massa critica contro le ingiustizie delle sovrastrutture aziendali”.
Invece proprio no! Oggi apro i giornali e cosa leggo? Le FARNETICANTI dichiarazioni di tal Gianni Baratta, segretario confederale della CISL. (vedi articolo del Manifesto QUI)

Alla dichiarazione della Fornero sulla necessità di armonizzare le norme che riguardano i dipendenti pubblici con quelle ‘riformate’ per i privati (come a dire “se il dipendente pubblico non fa un cazzo dalla mattina la sera potrei utilizzare lo spauracchio del licenziamento come provvedimento disciplinare) il sig. Baratta, in pieno clima economico recessivo, in un momento dove bisognerebbe unire, appianare le differenze sociali, ridurre il carico sul lavoro dipendente senza disparità, cosa si permette di rispondere? “il ministro Fornero interviene di nuovo su cose che non la riguardano. Non è vero quello che dice la Fornero che i lavoratori sono tutti uguali perché tra l’altro chi è dipendente pubblico è vincitore di concorso. C’è il problema dei precari – continua Baratta – ebbene se ne occupasse, così come dei 300 mila e non dei 65 mila esodati. Il pubblico impiego comunque è diverso dal privato ed è più opportuno che decida il Parlamento”.

Fantastico! Cosa cazzo vuol dire?

Perché la Fornero non può auspicare che un dipendente pubblico debba essere equiparato ad ogni altro lavoratore? Cosa vuol dire che deve decidere il parlamento? Baratta probabilmente sa già che nessuno del PD, SEL e IdV si metterebbe a riordinare questa materia, a meno di non voler tentare il suicidio elettorale (i dipendenti statali sono tanti, ma proprio tanti). Quindi un provvedimento di questo tipo non vedrebbe mai la luce.

Allora, poiché io sono un dipendente privato e non sono titolare del mio ruolo in azienda per concorso, ma assunto per selezione, devo essere meno tutelato di un fancazzista cronico?
Siamo all’ammissione sbracata del sistema delle clientele?
Ma in che paese vive ‘sto demente irresponsabile? Lo sa quanti dipendenti statali improduttivi ci sono nella PA? Lo sa che, se il paese va a rotoli, è anche perché in 60 anni di Repubblica il posto statale è stato usato, e viene ancora usato, come ammortizzatore sociale? Lo sa che buona parte dei dipendenti della PA, quando va bene, ha il doppio lavoro? Lo sa che buona parte (e non tutti cmq) usa la malattia come ‘pozzetto’ aggiuntivo per le ferie? Devo continuare con tutti i mezzucci e trucchetti usati per non fare un cazzo dalla mattina alla sera?

Baratta lo sa che nessun dipendente statale è licenziabile nella pratica, anche se viene beccato immerso fino al collo nel barattolo della marmellata, vero?

Perché io, dipendente privato con tanto di laurea e giro d’Italia per 12 anni (al fine di accumulare esperienza e competenze) dovrei essere considerato meno di un vincitore di concorso? Sono forse un cittadino di serie B?

Perché il pubblico impiego non si può proprio toccare? Guardate che bella fine stanno facendo in Grecia dove i livelli del pubblico impiego e della corruzione sono quasi come i nostri…

Ecco: quando i sindacalisti perdono l’occasione di starsene zitti e, invece, sparano cazzate a nastro tanto per legittimare la loro presenza allora mi ricordo perché li ritengo quasi inutili.
A questo punto mi dovrò mettere alla ricerca di una rappresentanza che tuteli solo l’impiego del settore privato e che cerchi finalmente di scardinare tutti i privilegi e la disparità di trattamento con il pubblico impiego.

O, forse, mi devo mettere a fare il sindacalista anche io e cominciare a non fare un cazzo e a parlare a sproposito?

Annunci

“Ritorno alla sostenibilità” – Guido Grossi


Immagine profilo Guido Grossi

Guido Grossi

Salve a tutti,

Oggi voglio parlarvi e riportarvi un’articolo che ho letto stamattina su Facebook. Ebbene si: anche su Facebook si trovano spunti interessanti di ragionamento che, a volte, possono aiutarci nella comprensione dei fenomeni macroeconomici che ci stanno interessando, quand’anche non “travolgendo” nell’ultimo periodo.

Alla luce di tutto questo, vi consiglio di leggere lo scritto che segue, ad opera di Guido Grossi, partecipante al gruppo aperto di Facebook “Italian default: il fallimento di una classe dirigente“; parla del nostro debito pubblico e di 2 ricette facili facili (all’apparenza) per restituire credito, solidità, accessibilità alla nostra economia nazionale. Insomma, in una parola, SOSTENIBILITA’.

“Ritorno alla sostenibilità” pubblicato da Guido Grossi il giorno martedì 14 febbraio 2012 alle ore 13.26

La mia posizione professionale di responsabile della struttura centrale dei mercati finanziari di una grande banca italiana mi ha posto in posizione privilegiata per osservare il tema del debito pubblico da un angolo visuale non comune: Il collocamento e la negoziazione dei titoli di stato. Anche alla luce dei diversi effetti che il possesso dei titoli da parte dei vari soggetti coinvolti può produrre sul livello dei tassi di interesse e sulle possibilità di collocamento.

Vorrei sottoporvi le mie riflessioni che sfociano in una possibile proposta. Diversa, per i motivi enunciati, da quelle che circolano in materia. Frutto di un lungo confronto con amici e conoscenti.

Scusandomi in anticipo per la inevitabile lunghezza del testo (e la mia limitata capacità di sintesi).

Il dilagare della finanza avvenuto negli ultimi decenni (negoziazione in titoli e derivati) ha comportato il passaggio di una quota consistente di titoli di stato dai portafogli dell’operatore famiglia ai portafogli degli investitori istituzionali esteri (600-800 miliardi, pari a circa il 40% dello stock).

Un grave effetto collaterale non positivo – a suo tempo difficilmente prevedibile – si è prodotto sulla stabilità dei corsi dei titoli e, quindi, sul livello di tasso d’interesse che deve essere sostenuto per il regolare collocamento.

In un paragone con una azienda familiare, è stato come passare dall’autofinanziamento, basato sulle risorse di genitori, fratelli e sorelle, al credito bancario, nella forma più critica dello scoperto di conto, revocabile in qualsiasi momento. Una spada di Damocle sulla testa del debitore.

L’idea che i mercati finanziari siano efficienti nella valutazione dei rischi, e che i professionisti che operano nella gestione degli investimenti siano esseri freddi e razionali è quanto di più distante si possa immaginare dalla realtà.

Gli investitori istituzionali hanno un obiettivo temporale di cortissimo respiro, hanno a disposizione mercati tecnologicamente efficientissimi che consentono la vendita delle posizioni in pochissimo tempo, elevata a potenza dall’uso dei derivati. Usano tecniche di valutazione che si basano sull’osservazione in tempo reale di innumerevoli variabili su innumerevoli mercati. Gli accadimenti su un qualsiasi mercato si ripercuotono sugli altri in maniera immediata e – spesso – ingiustificata. Accadimenti esterni possono provocare – e provocano – crisi dei prezzi assolutamente scollegate dalla valutazione dei “fondamentali” economici.

Monti ce lo ripete da tempo: i fondamentali dell’Italia non giustificano l’attuale livello dei prezzi, dello spread. L’Italia sta pagando sui suoi titoli un livello di tasso di interesse assolutamente non giustificato dalla situazione finanziaria complessiva del paese. 

Mi permetto di ricordare l’importanza di alcune grandezze finanziarie, come il valore del patrimonio pubblico e la ricchezza privata delle famiglie. Considerando anche queste, oltre al PIL, la valutazione della nostra posizione debitoria, nel confronto con gli altri paesi, appare decisamente diversa. Risulta dagli studi di Banca d’Italia. Di gran lunga più sostenibile di moltissimi altri, oggi apparentemente immuni da crisi ma che rischiano una vera e propria involuzione a causa di una situazione di debito privato, oltre che pubblico, abnorme (e non pubblicizzata).

Resta il fatto, con la sua conseguenza spiacevolissima. Il guaio, infatti, è che il livello dei tassi d’interesse di Bot e Btp è salito in maniera enorme negli ultimi mesi solo per effetti distorsivi operati dai mercati finanziari.

E’ passato da “sostenibile” a “insostenibile”. Differenza grave, pericolosissima e ingiustificata.

Fa bene Monti a correre a Londra e a New York a spiegare al mondo della finanza le nostre virtù.

Ma del mondo della finanza sarebbe molto meglio diffidare e trovare il modo di farne decisamente a meno.

L’idea che è nata dall’osservazione dei recenti accadimenti, discussa già con molti amici e conoscenti, è quella di tornare ad una gestione domestica del problema del debito. Le risorse ci sono.

Il passaggio dalla dimensione “familiare” a quella bancaria non è stato causato dalla crescita del debito. I motivi sono complessi ma per ora è meglio tralasciarli. Quello che conta è che le risorse domestiche sono abbondanti, e vengono utilizzate diversamente.

Basti dire che le famiglie italiane detengono nei loro portafogli 400 miliardi di titoli di stato esteri, che sono spesso più rischiosi dei titoli italiani e quasi sempre hanno rendimenti inferiori. Oppure ricordare il valore di stock della ricchezza privata delle famiglie: superiore ad 8000 miliardi, ben oltre quattro volte l’intero ammontare del debito pubblico. La stima del patrimonio pubblico è più difficile ma la consistenza complessiva supera ampiamente lo stock del debito.

Le risorse ci sono, dunque. Utilizziamole.

Ci sono due modi che possono essere efficaci per convincere le famiglie italiane a tornare ad acquistare Bot e Btp.

1. Rendere sicuro e conveniente l’investimento.

Lo si può fare mettendo il patrimonio pubblico a garanzia del rimborso dei titoli acquistati e detenuti dalle famiglie italiane. Escludendo accuratamente e categoricamente la garanzia per gli investitori esteri.

Non è di immediata comprensione la cosa, perché il grande pubblico ignora la circostanza che i titoli di stato non solo non sono garantiti da nessun bene reale, ma neppure da alcuna procedura esecutiva. Se uno stato fallisce, non rimborsa i suoi debiti e nessun giudice può intervenire ad aggredire i suoi beni per soddisfare i creditori. La negoziazione con i creditori (come oggi in Grecia) avviene esclusivamente per assicurarsi prestiti successivi.

E’ importante spiegarlo, anche alla luce di quanto sta avvenendo oggi. Nelle passate esperienze di default controllati (negoziati con i creditori) gli stati hanno sempre privilegiato gli operatori famiglie nazionali, per ovvi motivi. Quello che sta avvenendo in questi giorni in Grecia è grave, perché modifica le regole del gioco. In un eventuale futuro default saranno rimborsati prima i fondi europei, gli investitori istituzionali e solo per ultimi, gli operatori privati.

E’ necessario operare per tempo.

L’effetto principale della manovra sarebbe quello di riportare il costo degli interessi ben al di sotto di quelli antecedenti la crisi degli ultimi mesi. Contribuendo in maniera consistente al contenimento del debito.

Riportando la situazione nell’ambito della “sostenibilità”.

La proposta ha il pregio collaterale di mettere al sicuro il patrimonio pubblico dalla tentazione di venderlo (svenderlo) per fare cassa. Tentazione non ipotetica: ripetutamente si affaccia.

Quel patrimonio non è nostro. Proviene dai nostri padri ed appartiene ai figli dei nostri figli. La nostra generazione non ha il diritto di utilizzarlo per coprire le dissennate spese che abbiamo tollerato nei decenni passati.

2. C’è un’altra fonte di ricchezza privata di grande entità che deve essere utilizzata per il buon fine di salvare la situazione. I fondi neri detenuti illegalmente all’estero.

Voi tutti sapete che Francia Germania ed altri hanno concepito l’idea di tassare con aliquote intorno al 30% quei fondi, depositati prevalentemente in Svizzera. E’ possibile fare di meglio.

Con il crescente malumore nei confronti della finanza speculativa e dei suoi privilegi, è venuto il momento di aggredire con determinazione il tema del segreto bancario e dei paradisi fiscali. Una legislazione decisa in materia avrebbe una potenzialità enorme per il nostro paese. Se l’evasione stimata in un anno si aggira intorno ai 150 miliardi di euro, immaginate voi l’entità dello stock di ricchezza detenuto dagli Italiani all’estero, accumulato negli anni.

Qualsiasi azione che abbia come obiettivo la riduzione del debito, deve guardare in quella direzione con estremo interesse. Non solo per l’entità della posta. Ma anche perché si tratta di risorse che, almeno in parte, non sono attualmente dentro il sistema.

Sottrarre con tasse o altri metodi risorse al sistema produttivo, comporta oggi una inevitabile aggravarsi della recessione. E date le condizioni pessime del ciclo interno ed internazionale, si tratterebbe di manovre rischiose e comunque dolorose.

Trovare risorse esterne è una strada decisamente più allettante, almeno al momento.

Questa è la proposta.

I detentori di capitali a nero:

– dichiarano il possesso;

– pagano una tassa sul patrimonio del 10 – 15%;

– Investono una somma pari al 70% in titoli di stato a lungo termine che hanno tassi contenuti (1,5-3%) e sono garantiti da patrimonio pubblico;

– hanno la garanzia che non saranno previste in futuro tasse ad hoc su quei capitali.

La mancata adesione alla proposta configura un nuovo reato che è punibile con:

– Il pagamento del 120% delle somme scoperte (che vuol dire sequestro integrale più un ulteriore 20% da pagare);

– una pena detentiva da 5 a 20 anni (il massimo edittale garantisce tempi molto lunghi per la prescrizione ed innalza la possibilità di essere scoperti in futuro);

– è perseguibile con un procedimento esecutivo ad hoc, breve ed efficiente, che limiti la possibilità di contrattare una riduzione della pena, garantendone l’applicazione.

Non è certo che l’adesione sarebbe massiccia. Però la riduzione dei margini di copertura del segreto bancario e la lotta decisa contro i paradisi fiscali, uniti alla durezza delle pene previste in caso di successiva emersione, potrebbero rappresentare una spinta non indifferente al successo dell’iniziativa.

C’è un vantaggio collaterale importante che discende dall’azione proposta. L’emersione dell’economia sommersa che ragionevolmente ne potrebbe conseguire.

Quella emersione comporta l’innalzamento automatico del valore nominale del PIL, contribuendo anche per questa strada a ricondurre la situazione del debito verso valori più accettabili e gestibili.

L’unione di questa proposta, poi, con quella dell’associazione art. 53 in materia di riforma fiscale, favorirebbe contemporaneamente il recupero di somme evase in passato e l’emersione del sommerso presente e futuro, con un effetto positivo enorme sul PIL e sul gettito.

L’obiettivo di riportare il problema del debito pubblico del nostro paese nell’ambito della normalità e della sostenibilità è di una importanza oggi non rinunciabile.

La straordinarietà verso la quale ci hanno spinto sicuramente la nostra innegabile leggerezza e la scarsa credibilità non deve occultarci l’aspetto fondamentale odierno: sono i meccanismi perversi e irrazionali dei mercati finanziari che hanno spinto la situazione verso la “non sostenibilità”. Questi devono essere spezzati con coraggio, perché le soluzioni indicate dalla fretta, dalla paura e dai sensi di colpa non potranno essere buone soluzioni.

Facciamola valere, la nostra credibilità. Il nostro orgoglio di essere italiani.

L’aiuto economico e finanziario che chiediamo come Paese all’estero non sarà mai fraterno, mai disinteressato. Mai conveniente. La Grecia ci sia d’esempio.

L’Italia ha risorse umane e finanziarie enormi. Ha urgente bisogno di riscoprire i propri valori e le proprie possibilità. Valore che le scelte degli ultimi decenni hanno purtroppo offuscato, ingenerando sensi di colpa e paure che non ci aiutano a vedere con chiarezza. E’ tempo di aprire gli occhi, perché i rischi che incombono sono elevati.

Concludo tornando al paragone iniziale: l’azienda familiare che ha deciso di fare ricorso allo scoperto di conto bancario –  che la banca può revocare a piacimento e in qualsiasi momento – deve sapere, con consapevolezza e responsabilità, che quel supporto sarà disponibile solo fino a quando le cose vanno per il verso giusto.

L’inizio delle difficoltà farà sparire quel sostegno, o lo farà diventare sempre più gravoso, insostenibile, causa esso stesso del precipitare di una crisi che, per altri versi, sarebbe stata sicuramente gestibile e risolvibile.

Usciamo, in fretta, da questa situazione perniciosa.

Attendo i vostri commenti!!!

Siamo davvero al baratro?


Prima pagina sole 24 ore 10/11/2011

Prima pagina de il sole 24 ore del 10/11/2011

Ma siamo davvero al baratro, come già ieri la Marcegaglia ha dichiarato pubblicamente?

Da persona comune, quale sono, io credo di si. Basta poco per capire che l’appello contenuto nella prima pagina del Sole 24ore di oggi è quantomeno assennato!

Guardando ai numeri sbandierati dal giornale di Confindustria, infatti, balza subito agli occhi la gravità della situazione in cui ci troviamo: lo spread del nostro italico BTP vs. il Bund tedesco è ormai arrivato a 525 punti, ai livelli del default greco quindi.

Cosa vuol dire questo in soldoni?

Vuol dire che lo Stato deve pagare un interesse decennale sui BTP del 7,25%, circa il 5,52% in più di quanto pagano i tedeschi di interesse sul loro Bund. Ma siamo sicuri che, “sic rebus stantibus”, il PIL prodotto basti a pagare il rimborso del debito contratto più gli interessi così elevati? Ebbene, gli investitori credono di no, infatti le aste dei BTP, CCT e BOT sono andate praticamente deserte; solo la BCE sta comprando il nostro debito.

E se la BCE e quei 4 investitori sprovveduti smettessero di comprare i nosti titoli? In concreto cosa succederebbe?

Succederebbe che andremmo in default, l’italica BANCAROTTA.

Quindi niente più accesso al credito finché il debito già contratto non venisse ristrutturato ad un tasso minore accettabile e liquidato. Questo significa: niente più spese per il welfare, dipendenti pubblici a casa, pensioni decurtate, stipendi non pagati, fallimento delle banche, fallimento delle imprese per mancato credito, deprezzamento della moneta, inflazione crescente.

Ok. Ora sappiamo cosa ci sta per succedere se non corriamo ai ripari. Ma cosa cavolo dobbiamo fare per correre ai ripari, dico io?

Berlusconi ha già detto che tra sabato e lunedì tornerà al suo lavoro e dai suoi nipotini (faccio onestamente fatica a crederci) ma, nonostante questo, i mercati hanno continuato a ballare sui nostri testicoli.

Dobbiamo approvare allora le famigerate misure anti-crisi. Ma se queste misure le ha studiate il governo Berlusconi che, come sappiamo, non gode dell’amore dei mercati e delle istituzioni finanziarie europee, siamo poi sicuri che verranno accolte con favore da chi specula sul nostro debito? Oppure il tasso di interesse sui titoli italiani continuerà a correre?

Sarebbe allora meglio che le misure di austerity venissero valutate da un governo tecnico di unità nazionale? Ma il Parlamento le approverebbe in tempi certi senza resistenze? Già la Lega e altri parlamentari hanno chiaramente detto che non lo farebbero.

Cosa ci rimane dunque? Sperare in nuove elezioni? Io credo che sia ormai troppo tardi per considerare questa un’ipotesi valida. Il tempo è ormai scaduto e non ci possiamo certo permettere una lunga e “sanguinosa” campagna elettorale.

Nessuno credo sia in grado di dare una risposta a questi interrogativi: Napolitano, Berlusconi, Tremonti, Monti, Sarkozy, Merkel, Obama, etc. Anche perché, da quello che leggo tutti i giorni, ognuno dice la sua e rimane convinto della propria idea.

Spero solo che a qualcuno venga l’idea giusta e che ci trascini verso lidi più sicuri, magari non “consumando” troppo i nostri risparmi.

Voi che ne dite?