Un blog molto personale…

proviamo a capire qualcosa di più!

Archivi delle etichette: scandalo

Gotti Tedeschi e il conto IOR di JP Morgan Hanno fatto bene a chiudere ogni rapporto


Ettore Gotti TedeschiNel memoriale di Ettore Gotti Tedeschi, l’ex presidente dello Ior indagato per violazione delle norme antiriciclaggio interrogato martedì per alcune ore dai pm della Procura di Roma, viene toccato anche il nodo relativo a un conto Ior che la banca d’affari JP Morgan decise di chiudere a metà di febbraio. Lo si apprende da fonti qualificate. Al segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone, che chiede spiegazioni, Gotti sostiene che, a suo avviso, la banca americana aveva giustificati motivi per chiudere i rapporti con lo Ior in quella fase, non avendo ricevuto dall’Istituto le informazioni richieste.

Il memoriale è stato acquisito dagli inquirenti della Procura: in esso ono presenti «alcune decine di allegati», e tra questi dei documenti diretti a diverse autorità vaticane e ai vertici della finanza di Oltretevere. .

UN MILIARDO DI EURO – Il conto Ior di JP Morgan era stato aperto nel 2009 e in poco più di 18 mesi vi era transitato oltre un miliardo. Il conto è stato chiuso, su iniziativa di JP Morgan, alla vigilia della defenestrazione di Ettore Gotti Tedeschi. Secondo quanto rivelato dal quotidiano Il Messaggero, quel conto aveva la caratteristica di venire azzerato alla fine di ogni giornata lavorativa con il versamento delle somme del conto stesso su un altro conto dello Ior a Francoforte, in Germania. I magistrati sospettano che quelle somme siano servite a pagare tangenti, anche in relazione all’inchiesta Finmeccanica. Sempre secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti, JP Morgan decise di chiudere il rapporto con lo Ior quando si rese cnto che la magistratura di stava interessando con continuità della situazione della banca vaticana.

via Gotti Tedeschi e il conto Ior di JP Morgan «Hanno fatto bene a chiudere ogni rapporto» – Corriere.it.

OH MAMMA MIA!

Se consideriamo che “IOR” è l’acronimo di “Istituto per le Opere di Religione”, cosa ci azzeccano questi conti e movimenti finanziari con l’attività di un’opera religiosa?

Certo non c’è di che scandalizzarsi, visti i trascorsi di questo istituto:

  • Scandalo del Banco Ambrosiano;
  • Scandalo Enimont;
  • Operazione Sofia;
  • Caso Fiorani – BPI;
  • Caso Anemone – Grandi Opere;
  • Cperazioni di riciclaggio.

Quello che però mi sorprende è che questa banca (de facto) sia ancora in piedi e che ancora amministri gli oboli che milioni di persone donano, in buona fede, alla Chiesa Cattolica!!!

Certo non metto in dubbio che buona parte dei proventi delle speculazioni operate sui mercati siano messe a disposizione per beneficenza. Ma di che quota parte stiamo parlando?

Insomma, anche solo leggendo la voce relativa allo IOR su Wikipedia di dubbi ne vengono veramente tanti. Forse troppi.

Perché la Chiesa Cattolica si spertica ancora pervicacemente nel mantenimento di tale istituto e nel mantenere riservato tutto ciò che gira intorno alle sue speculazioni?

Tutto questo non contribuisce a restituire un’immagine chiara e limpida del Vaticano che, ogni giorno di più, ricorda una monarchia assoluta di vecchio stampo, quand’anche non uno “stato canaglia”!

Annunci

La strana storia dei commissari AGCOM e delle scimmie di mare


Scimmie di mareLo ammetto, ho barato! Ho volutamente usato un titolo d’effetto, anche perché non vedo cosa possano entrarci le scimmie di mare nell’affaire AGCOM.

Solo stamattina mi è balzato alla mente il ricordo delle improbabili inserzioni pubblicitarie che si trovavano sull’Intrepido e Lancio Story…

Bando alle ciance, ritorniamo al nocciolo del titolo: le nomine dei commissari dell’AGCOM, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Già il nome di questo organismo la dice lunga sulla sua importanza. Si, avete capito bene: questi signori dovrebbero occuparsi dei media italiani, della loro distribuzione, della loro propriertà, della loro imparzialità, di evidenti conflitti di interessi, dell’accesso alla rete e di altre cose “lievissimamente” importanti per l’UdS (Uomo della strada ndr): “L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) è un’autorità italiana di garanzia, alla quale è affidato il duplice compito di assicurare la corretta competizione degli operatori sul mercato e di tutelare il pluralismo e le libertà fondamentali dei cittadini nel settore delle comunicazioni e radiotelevisivo”.

Proprio l’altro ieri si è assistito ad un altro scivolone del parlamento e di tutti i partiti maggiori sulla nomine dei commissari di questo organismo: a tutti è stato fatto credere che sarebbero state fatte sulla base della scelta condivisa di candidati con un determinato CV ed con esperienza comprovata nel mondo delle comunicazioni (“I componenti di ciascuna Autorità sono scelti fra persone dotate di alta e riconosciuta professionalità e competenza nel settore“) e che i CV sarebbero stati resi pubblici, così come i criteri di scelta.

Devo essere sincero, ci ho creduto anch’io!

Il giorno precedente la nomina  cosa è successo? Non ci crederete: arriva notizia dell’accordo sotterraneo -mica poi tanto- tra Bersani e Casini sul nome di Francesco Posteraro, navigato, stimabile ed esperto funzionario parlamentare, oggi vicesegretario della Camera, senza nessuna competenza specifica attinente al ruolo di commissario AGCOM e a quei settori. Oltretutto tra i curricula presentati dai candidati fino a oggi quello di Posteraro non c’è, a conferma che la sua candidatura è stata solo motivata da motivi politici ( il curriculum di Posteraro è stato poi presentato prima della scadenza).

E non basta! Tutti i commissari sono stati designati con il caro vecchio metodo della lottizzazione:

Francesco Posteraro (candidato concesso al Terzo Polo dal segretario Pier Luigi Bersani)

Maurizio Dècina (PD)

Antonio Martusciello (già manager di Pubblitalia e co-fondatore di Forza Italia)

Antonio Preto (ex-capo gabinetto di Antonio Taiani a Bruxelles)

Insomma: PdL, PD, UDC si sono spartiti tutte le nomine, con prevalenza di eletti del PdL. GATTOPARDESCO non credete?

Quali saranno le conseguenze di tutto questo? Assolutamente nulle! Tutto rimarrà come prima: Berlusconi continuerà indisturbato a fare il comodo suo e delle sue aziende, il PD continuerà nell’opera di lottizzazione della RAI, l’UDC cercherà di sgomitare per farsi spazio (come se già non ne avesse abbastanza).

E noi? E noi niente! Noi continueremo a finanziare indirettamente Mediaset, a non avere un servizio pubblico decente come corollario, e ci potremo scordare lo sviluppo delle reti.

Non vi basta per incazzarvi ancora un po’ con i nostri rappresentanti in parlamento? Certo loro sono più furbi di noi. Sanno benissimo che le elezioni si vincono con le tribune politiche, con i “Porta a Porta” (a proposito: è stata nominata anche la moglie di Vespa al Garante per la protezione dei dati personali!) e mantenendo l’UdS in una condizione di ignoranza perpetua. Sanno benissimo che siamo pigri, non abbiamo voglia di spremerci le meningi: meglio la verità servita tra la Vita in Diretta, Porta a Porta, Verissimo, e un piatto di spaghetti alla carbonara…

Pensate cosa saranno capaci di fare con la RAI!!!

Se avete voglia di informarvi un po’ di più sul tema fatevi un giro su questi link:

http://www.ilpost.it/2012/05/30/nomine-agcom-quintarelli/

http://www.ilpost.it/2012/06/05/agcom-posteraro/

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=10201

http://www.ilpost.it/massimomantellini/2012/06/06/agcom-non-si-vergognano-abbastanza/

http://www.wittgenstein.it/2012/06/06/nomine-agcom-2/