Un blog molto personale…

proviamo a capire qualcosa di più!

Archivi delle etichette: tv

Abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. E poi?


Il finanziamento pubblicoTrovo che sia bellissimo, per alcuni aspetti, il fatto che si voglia abolire il finanziamento pubblico ai partiti.

Certo noi ci dovremo attivare per sostenere i nostri politici economicamente, visto che le lobby in Italia non sono contemplate (vedi QUI). Certo non crederete che tutti i partiti e/o movimenti abbiano i vari Berlusconi e Grillo/Casaleggio che cagano soldi pur di raggiungere il potere… Spero di no, altrimenti sareste veramente degli ingenui!
Torniamo a noi: quale soluzione preferireste?
L’abolizione del finanziamento pubblico? Tirare fuori i soldi di tasca vostra e destinarli a chi volete veramente? Vorreste poter destinare alle segreterie il vostro 5 per 1000, magari con l’abolizione, prima di tutto, dell’8% alla Chiesa Cattolica (asimmetria insopportabile per me)?
Vorreste introdurre il finanziamento da Gruppi di Pressione (poi però non rompete il cazzo con le industrie petrolifere, farmaceutiche e multinazionali varie che non dovessero andarvi bene)?

Cari connazionali decidetevi! Non rompete le palle col finanziamento pubblico se poi non sapete come sarà mantenuta in vita la nostra già malandata democrazia.

Fate i seri per una volta, la ricreazione è finita.
Io i miei soldi so già a chi li darò, per voi il sondaggione finale.

Aggiornamento dell’ultimo minuto:

Abolizione del finanziamento pubblico, ricordtwit letta ddl finanziamento pubblicoo a finanziamenti privati con defiscalizzazione.

L’abrogazione dell’attuale sistema avverrà per gradi, dicono fonti di Palazzo Chigi. Il contributo pubblico sarà ridotto al 60% il primo anno, al 50% il secondo anno e al 40% al terzo anno, per poi essere abolito del tutto.

A regime gli unici canali di finanziamento dei partiti saranno le erogazioni volontarie con detrazioni del 52% per gli importi fra i 50 e i 5.000 euro e del 26% per tutti gli altri fino a un massimo di 20mila euro e la destinazione volontaria del 2 per mille. Ai partiti sarà conferita una concessione gratuita di spazi (anche tv) e servizi.

Personalissima analisi della campagna elettorale


schieramenti politiche 2013

Che campagna elettorale di merda stiamo “subendo” in questo periodo?

Tutti i programmi letti in questi 2 mesi parlano di: fare questo, fare quell’altro, pagare di meno, spendere di più per questo e quello.

Ma gli italiani lo sanno a quanto ammonta il nostro debito? Lo sanno che forse si renderà necessaria un’altra manovra per pagarne gli interessi? Lo sanno che a luglio aumenterà l’IVA di un altro punto percentuale, come già programmato? Evidentemente no.

E invece stiamo qui a parlare di riduzione dell’IRAP, di abolizione dell’IMU sulla prima casa.

Ma dove li dovrebbe prendere i soldi lo Stato? Dalla riduzione dei parlamentari? ma per favore!

Quanto ci piace farci prendere per il culo! Guardate bene tra le pieghe di quello che leggete, fatelo per voi.

Quando qualcuno vi dice che farà qualcosa a titolo oneroso chiedetegli anche dove troverà le risorse per farlo!

Lo sapete che il programma del PDL, per esempio, costa qualcosa come 60 miliardi di Euro? Quello del PD circa 12 miliardi e quello di Monti circa 30 miliardi? No? MALE!

 Quello di Grillo nemmeno lo prendo in considerazione perché a livello di politica economica sembra solo una lista di belle intenzioni e non dice un cazzo di pratico.

Se volete continuare a vivere in un paese con una speranza futura, preoccupatevi di votare chi vi dirà che non ridurrà subito le tasse, scemi di guerra!

Votate chi vi dirà che, piuttosto, nel medio termine farà le grandi riforme a costo zero che frenano l’economia reale ed il lavoro:

  • riforma della giustizia;
  • riforma dell’apparato burocratico;
  • separazione delle banche di affari dalle banche commerciali;
  • riduzione del debito.

Qualcuno ne parla? Mi sa di no…

Ebbene queste sono le riforme che frenano gli investimenti, che frenano la ripartenza dell’economia, l’export (nostra unica salvezza visto che la domanda interna è e sarà a livelli da seconda guerra mondiale ancora per molto) e la creazione di posti di lavoro.

Svegliatevi vecchi sonnecchiatori che guardate questi politici in TV e nelle piazze!  

SPEGNETE LA TV E NON IL CERVELLO!

Pensateci bene prima di schierarvi a destra, a sinistra, al centro, sotto o sopra


Urna Elettorale…qui non si tratta di eleggere un Parlamento “Italiano” che si occupi dell’Italia da dentro, facendo gli affari propri o di alcune classi. Un Parlamento di destra o di sinistra, basato solo su ideologie e non su programmi, su concetti “pratici”.

Basta con i deputati che vanno in TV ad urlare, a parlare del sesso degli angeli. Vogliamo sentire parlare di programmi veri, di economia, di lavoro, di scuola, di cultura.

Si tratta di eleggere il Parlamento che dovrà formare un Governo finalmente autorevole e considerato in Europa!

Siamo uno dei paesi fondatori e Monti ci avrà pur fatto il culo a strisce, ma ha il merito indubbio di aver riportato la nazione all’interno dei palazzi europei. In quelli che contano.

Può piacere o non piacere ma, se prima eravamo soli in Europa in balìa di tutti, ora siamo parte di un asse e, se vogliamo, anche la Germania ed il Deutscher Bundestag si adegueranno alle politiche condivise. Si, proprio la Germania che ha già “fatto shopping” tra le nostre imprese e distretti fino quasi a Firenze (vedi Ducati per esempio).

Vogliamo continuare così? Vogliamo tornare ad essere ghettizzati come la Grecia? Oppure vogliamo contare qualcosa e ragionare insieme alla Francia, alla Spagna e, magari, anche con la Gran Bretagna?

Questa cosa nel passato è stata ben compresa da Ciampi, Prodi e, da ultimo, Monti. Vogliamo abbandonarci dunque a derive populiste? Ai deliri berlusconiani?

Pensateci bene quando sarete soli nell’urna e, solo dopo, votate chi volete.

Ad Maiora.

Nomine, lo strappo di Monti “Su Rai e Agcom decido io” – Ci vogliamo credere?


Mario MontiROMA – Giornata interminabile ieri, con Monti che in serata convoca un vertice per forzare la mano sulle nomine alla Rai e all’Agcom. Tanto alla presidenza della tv di Stato quanto a quella dell’Autorità delle comunicazioni vuole mettere nomi di alto profilo, scelti personalmente.

Una riunione sarà dedicata oggi alle nomine Rai (il Cda della tv di Stato si deve riunire il 13) e alle Authority, in particolare la presidenza dell’Agcom.

Proprio per questo Monti in serata ha convocato a Palazzo Chigi un mini-vertice con gli stessi ministri protagonisti dello scontro sullo sviluppo: Grilli e Passera. Ai quali si è aggiunta il ministro della Giustizia Paola Severino. La partita Rai e Agcom è ora centrale per il premier: la tv pubblica è dalla nascita del suo governo terreno minato nei rapporti con i partiti di maggioranza, mentre la nomina dei commissari dell’Authority di martedì ha fatto piovere critiche sui partiti, accusati di perpetrare la spartizione di un organismo sulla carta indipendente. Per questo Monti sceglierà un tecnico di sua fiducia, come il bocconiano Angelo Cardani. E anche sulla Rai la rosa scelta dal Professore è di alto profilo.

via Nomine, lo strappo di Monti “Su Rai e Agcom decido io” – Repubblica.it.

Allora se sceglie un bocconiano siamo tutti a posto! Ma cosa vuol dire “alto profilo”? Mi chiedo: cosa cambia se la scelta dei presidenti viene tout court dal Parlamento o dal PdC in persona? Mi sembra la stessa cosa. Anzi: pure peggio!

Non sarebbe meglio condividere queste scelte il più possibile, raccogliendo il parere di esperti dei settori investiti e valutando più CV provenienti dal basso, piuttosto che affidarsi alla “estrema competenza” dei bocconiani o agli scambi di poltrone perpetrati dai nostri cari amati parlamentari e segretari di partito?

La strana storia dei commissari AGCOM e delle scimmie di mare


Scimmie di mareLo ammetto, ho barato! Ho volutamente usato un titolo d’effetto, anche perché non vedo cosa possano entrarci le scimmie di mare nell’affaire AGCOM.

Solo stamattina mi è balzato alla mente il ricordo delle improbabili inserzioni pubblicitarie che si trovavano sull’Intrepido e Lancio Story…

Bando alle ciance, ritorniamo al nocciolo del titolo: le nomine dei commissari dell’AGCOM, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Già il nome di questo organismo la dice lunga sulla sua importanza. Si, avete capito bene: questi signori dovrebbero occuparsi dei media italiani, della loro distribuzione, della loro propriertà, della loro imparzialità, di evidenti conflitti di interessi, dell’accesso alla rete e di altre cose “lievissimamente” importanti per l’UdS (Uomo della strada ndr): “L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) è un’autorità italiana di garanzia, alla quale è affidato il duplice compito di assicurare la corretta competizione degli operatori sul mercato e di tutelare il pluralismo e le libertà fondamentali dei cittadini nel settore delle comunicazioni e radiotelevisivo”.

Proprio l’altro ieri si è assistito ad un altro scivolone del parlamento e di tutti i partiti maggiori sulla nomine dei commissari di questo organismo: a tutti è stato fatto credere che sarebbero state fatte sulla base della scelta condivisa di candidati con un determinato CV ed con esperienza comprovata nel mondo delle comunicazioni (“I componenti di ciascuna Autorità sono scelti fra persone dotate di alta e riconosciuta professionalità e competenza nel settore“) e che i CV sarebbero stati resi pubblici, così come i criteri di scelta.

Devo essere sincero, ci ho creduto anch’io!

Il giorno precedente la nomina  cosa è successo? Non ci crederete: arriva notizia dell’accordo sotterraneo -mica poi tanto- tra Bersani e Casini sul nome di Francesco Posteraro, navigato, stimabile ed esperto funzionario parlamentare, oggi vicesegretario della Camera, senza nessuna competenza specifica attinente al ruolo di commissario AGCOM e a quei settori. Oltretutto tra i curricula presentati dai candidati fino a oggi quello di Posteraro non c’è, a conferma che la sua candidatura è stata solo motivata da motivi politici ( il curriculum di Posteraro è stato poi presentato prima della scadenza).

E non basta! Tutti i commissari sono stati designati con il caro vecchio metodo della lottizzazione:

Francesco Posteraro (candidato concesso al Terzo Polo dal segretario Pier Luigi Bersani)

Maurizio Dècina (PD)

Antonio Martusciello (già manager di Pubblitalia e co-fondatore di Forza Italia)

Antonio Preto (ex-capo gabinetto di Antonio Taiani a Bruxelles)

Insomma: PdL, PD, UDC si sono spartiti tutte le nomine, con prevalenza di eletti del PdL. GATTOPARDESCO non credete?

Quali saranno le conseguenze di tutto questo? Assolutamente nulle! Tutto rimarrà come prima: Berlusconi continuerà indisturbato a fare il comodo suo e delle sue aziende, il PD continuerà nell’opera di lottizzazione della RAI, l’UDC cercherà di sgomitare per farsi spazio (come se già non ne avesse abbastanza).

E noi? E noi niente! Noi continueremo a finanziare indirettamente Mediaset, a non avere un servizio pubblico decente come corollario, e ci potremo scordare lo sviluppo delle reti.

Non vi basta per incazzarvi ancora un po’ con i nostri rappresentanti in parlamento? Certo loro sono più furbi di noi. Sanno benissimo che le elezioni si vincono con le tribune politiche, con i “Porta a Porta” (a proposito: è stata nominata anche la moglie di Vespa al Garante per la protezione dei dati personali!) e mantenendo l’UdS in una condizione di ignoranza perpetua. Sanno benissimo che siamo pigri, non abbiamo voglia di spremerci le meningi: meglio la verità servita tra la Vita in Diretta, Porta a Porta, Verissimo, e un piatto di spaghetti alla carbonara…

Pensate cosa saranno capaci di fare con la RAI!!!

Se avete voglia di informarvi un po’ di più sul tema fatevi un giro su questi link:

http://www.ilpost.it/2012/05/30/nomine-agcom-quintarelli/

http://www.ilpost.it/2012/06/05/agcom-posteraro/

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=10201

http://www.ilpost.it/massimomantellini/2012/06/06/agcom-non-si-vergognano-abbastanza/

http://www.wittgenstein.it/2012/06/06/nomine-agcom-2/